Come pulire il filtro del condizionatore

Con l’arrivo della stagione calda si rimettono in moto i condizionatori per avere un po’ di aria fresca in casa: vivere o lavorare senza il supporto di questa comodità oggi giorno sembra quasi impossibile. Dato che il condizionatore è un oggetto così prezioso per la casa, sarebbe il caso di fargli anche una manutenzione più corretta. Pulire questo oggetto è un qualcosa che andrebbe fatto prima di ogni stagione, quantomeno all’inizio. Durante la stagione fredda, se non viene utilizzato per riscaldare l’ambiente, si accumula polvere al suo interno, che potrebbe diventare un ambiente florido per batteri di qualsiasi tipo. Se non si pulisce il condizionatore, il rischio è quello di spargere in casa tutti questi batteri, con tutti i rischi che ne derivano per la salute. Il compito di questo prodotto è quello di rendere l’aria più fresca e piacevole, non quello di inquinarla!

La manutenzione del condizionatore

Per questo motivo è importante procedere ad una corretta manutenzione dei filtri, magari anche nel corso della stessa estate, anche se viene utilizzato in modo intenso. Infatti, i batteri trovano un ambiente prolifico proprio grazie a caldo e umidità, accumulandosi proprio vicino ai filtri. Infine, quando la stagione calda volge al termine, sarebbe corretto effettuare una pulizia finale dei filtri del condizionatore, per evitare che lo sporco accumulato proliferi durante la stagione invernale. Inoltre, una manutenzione corretta, oltre a preservare la salute, aiuta anche a risparmiare sulla bolletta energetica, in quanto il condizionatore pulito funziona meglio e non necessita costantemente di pezzi di ricambio. Prima di cominciare la pulizia del condizionatore è necessario leggere le istruzioni, per capire come maneggiare alcune parti e come staccare i filtri. In ogni caso, una cosa essenziale per tutti, è quella di togliere la spina. Dopodiché si procede con la rimozione del filtro, che solitamente si sfila da suo interno. Nella maggior parte dei condizionatori, il filtro si trova subito dietro la griglia dove passa l’aria. Osservandolo con attenzione, probabilmente noteremo qualche aggancio particolare, da aprire tramite pressione, pulsante o sportellino.

Procediamo alla pulizia del filtro

Una volta estratto il filtro, raccomando di utilizzare dei guanti, potremo passare alla pulizia vera e propria. Se lo sporco accumulato non è molto, basterà un po’ di acqua e sapone. Bisogna solo fare un minimo di attenzione, strofinando delicatamente ed evitando di danneggiarlo. Una volta che avremo pulito il filtro efficacemente, possiamo farlo tranquillamente asciugare all’aria, oppure, se proprio si vuole accendere il condizionatore il più in fretta possibile, lo si asciuga con un panno morbido, asciutto e pulito. Una volta asciutto, bisogna ripetere il procedimento inverso ed inserirlo nuovamente all’interno del condizionatore. Per completare l’opera, infine, bisognerà ripulire anche la parte esterna del condizionatore: un’operazione che richiede pochi minuti ed al massimo una spugnetta umida. Come detto in precedenza, l’operazione sarebbe da ripetere durante i mesi di utilizzo, anche se utilizzato intensamente, ma di sicuro va ripulito prima di utilizzarlo dopo molto tempo e all’inizio della stagione invernale, quando si decide di non utilizzarlo più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *